Il grido delle donne iraniane

L’attivista Shaparak Shajarizadeh: “Il regime di Teheran continua ad uccidere gli oppositori. Non c’è rispetto dei diritti umani”

February 20, 2020

Click here to see the original article

“Sto facendo campagna contro le elezioni perché votare significa sostenere il regime” (Keystone)

In Iran venerdì ci saranno le elezioni legislative. Ma a far notizia per ora è soprattutto il numero elevato di esclusioni: oltre la metà delle candidature è stata respinta dalle autorità. Esclusioni che toccano in particolare i politici più riformisti.

C’è chi, come Shaparak Shajarizadeh, ha scelto l’esilio per evitare la prigione, a causa delle sue idee troppo riformiste: aveva voluto liberarsi del velo, obbligatorio per le donne, un gesto che le è valso una grande celebrità.

Ora vive in Canada e fa la casalinga. Due anni fa non ce l’aveva più fatta, si era tolta il velo e aveva iniziato a sventolarlo in aria, in pubblico, a Teheran. Alimentando un movimento di protesta che era appena nato e che le è valso una condanna a due anni di prigione.

La RSI l’ha incontrata martedì scorso al Summit di Ginevra per i diritti umani e la democrazia.

“Sto facendo campagna contro le elezioni perché votare significa sostenere il regime”, spiega Shaparak. “Vent’anni fa la gente aveva speranza, si aspettava qualche cambiamento, ma poi è andata persa e ci siamo limitati a scegliere il meno peggio. Ora il partito dei riformisti ha un suo posto in Governo ma non è cambiato nulla. Le autorità continuano ad uccidere la gente che si oppone al regime. Tutti gli attivisti per i diritti umani sono ora in prigione. Qui non è questione di fondamentalista o di riformista, si tratta di un regime dittatoriale”.

L’attivista iraniana denuncia pure un mancato sostegno dei paesi europei per fare sì che in Iran si rispettino i diritti umani: “Per fortuna Trump sta indebolendo il Governo”.